• home
  • Osservatorio Paritetico Nazionale

Osservatorio Paritetico Nazionale

L' Osservatorio Paritetico Nazionale (art. 8 del CCNL) viene istituito allo scopo di favorire la partecipazione dei lavoratori ai processi di cambiamento in atto nella consapevole conoscenza dei problemi in materia di occupazione, mercato del lavoro, formazione e qualificazione professionale.

L'Osservatorio, fermi restando i distinti ruoli dell'Azienda e delle Organizzazioni Sindacali, svolge funzioni di studio, approfondimento e valutazione congiunta sia in ordine allo scenario competitivo del settore, sia in ordine alle condizioni di lavoro.

In particolare, sono oggetto di analisi:

- le prospettive strategiche e produttive del mercato dei servizi postali anche nelle relative evoluzioni;

- la situazione occupazionale nel settore e relative linee di tendenza con particolare riferimento all'occupazione giovanile e a quella femminile;

- lo sviluppo delle tecnologie e loro eventuale effetto sull'occupazione e sull'evoluzione delle figure professionali;

- le condizioni igienico-ambientali nei posti di lavoro;

- i lineamenti generali della formazione e riqualificazione professionale svolta in esecuzione degli obblighi previsti dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro;

- le problematiche connesse al rapporto di lavoro derivanti dall'integrazione europea;

le possibilità di intervento su organismi pubblici ai fini del miglior raccordo tra le esigenze dell'Azienda e del mondo del lavoro con le infrastrutture esistenti;

- l'assetto previdenziale del settore;

- la rilevazione, analisi, divulgazione e promozione di iniziative concernenti le azioni sociali finalizzate ad una migliore integrazione delle persone appartenenti alla categoria dello svantaggio sociale, nell'ambito delle norme di legge che regolano la materia, anche in relazione alla possibilità di utilizzare i finanziamenti e gli strumenti di intervento previsti dalle vigenti norme a livello europeo, nazionale e regionale.

 

I rappresentanti SLP per l'OPN:

Mario Petitto

Luca Burgalassi